Calzature antincendio boschivo per un’attività di soccorso decisamente impegnativa.

Le calzature antincendio boschivo fanno parte della dotazione fondamentale per muoversi agevolmente su terreni spesso impervi ed ostili: in questo articolo ti spiego come scegliere quella più adatta.

Proseguiamo con gli articoli dedicati alle calzature e vediamo oggi le calzature per antincendio boschivo o AIB

Per le nozioni di base sulle calzature per soccorritori ti invito a rileggere il precedente articolo

Calzature per soccorritori e per l’emergenza

Data l’estrema pericolosità dell’attività di antincendio boschivo, le calzature apposite sono collocate, dal legislatore, tra i DPI di Terza Categoria.

Tra i disposti normativi per questa categoria di DPI, c’è l’obbligo per il datore di lavoro alla formazione per l’uso, la manutenzione, la sorveglianza e le limitazioni di impiego del dispositivo di protezione. 

Per approfondire questi aspetti puoi leggerti i precedenti articoli

Dpi per soccorritore: basi normative

Scegliere i Dpi per i soccorritori

Documentazione Dpi per il soccorritore

I parametri per la scelta delle calzature antincendio boschivo.

Dal punto di vista della scelta della calzatura idonea per attività AIB, ci sono dei parametri fondamentali da osservare:

  1. La resistenza alla fiamma e al calore
  2. La migliore combinazione di impermeabilità e traspirazione
  3. La resistenza allo scivolamento 

Ulteriori fattori sulla sicurezza del dispositivo che dovrebbero essere considerati sono:

  1. la calzata, preferibilmente molto avvolgente nell’area della caviglia, permette all’operatore una migliore conduzione del piede su fondi impervi, irregolari, con residui di fogliame, arbusti, fango, prevenendo lo scivolamento.
  2. ulteriori dispositivi di protezione come, ad esempio, l’inserto antiperforazione della pianta del piede, l’inserto anti-impatto del metatarso, il puntale antischiacciamento per le dita.

Gli operatori AIB apprezzano una suola performante e una protezione impermeabile ma estremamente traspirante per affrontare condizioni climatiche e di tempi di impiego che possono rendere le attività anche molto gravose

Il comfort gioca un ruolo decisivo nella scelta della calzatura AIB.  

Il sistema di allacciatura infine dovrebbe avvicinarsi a quello di una calzatura da trekking, che possa garantire un aggiustamento ideale per ciascun individuo, rapido, efficiente, possibilmente regolabile. 

La normativa di riferimento per le calzature antincendio boschivo.

Alcuni Modelli di Calzature Antincendio Boschivo

La normativa di riferimento è la EN 15090:2012 che individua diverse classi di protezione in base alla resistenza a fiamma e calore.

  • F1 – (Antincendio Boschivo) Adatte a scopi di salvataggio in generale, operazioni di lotta contro gli incendi, operazioni di lotta contro gli incendi in presenza di combustibili vegetali come foreste, coltivazioni, piantagioni, prati e terreni agricoli. Di base non hanno lamina, non hanno puntale di protezione, non proteggono da agenti chimici.
  • F2 – (Antincendio Strutturale, Vigili del Fuoco) Adatte per salvataggio in operazioni di lotta contro gli incendi e protezione di beni di edifici, strutture chiuse, veicoli, ecc. Di base hanno lamina antiforo e puntale di protezione a 200 Joule, non proteggono da agenti chimici.
  • F3 – (Antincendio in aziende chimiche e petrolchimiche) Situazioni di emergenza in presenza di materiali pericolosi, con rilascio o potenziale rilascio di sostanze chimiche pericolose nell’ambiente che possono causare morte, lesioni fisiche o danni agli immobili e all’ambiente. Di base hanno lamina antiforo e puntale di protezione a 200 Joule, protezione da agenti chimici.

Accanto alle classi base F1 F2 F3, potete trovare i seguenti indici:

  • H1 – resistenza al calore della suola a 150° per 30 minuti
  • H2 – resistenza al calore della suola a 250° per 20 minuti
  • H3 – resistenza al calore della suola a 250° per 40 minuti
  • T – resistenza alla penetrazione (lamina antiforo)
  • I – isolamento elettrico
  • A – antistaticità
  • IS – suola con alta resistenza elettrica
  • CI – Isolamento dal freddo
  • AN – protezione del malleolo
  • M – protezione del metatarso
  • SRA – antiscivolo su superfici ceramiche
  • SRB – antiscivolo su superfici in acciaio inox
  • SRC – quando sono presenti sia i requisiti SRA che SRB

Il simbolo che trovate sulla calzatura è questo 

simbolo della marcatura delle calzature di antincendio boschivo

La classe in cui ricade la calzatura per AIB è la F1 e la normativa la identifica idonea per “Interventi antincendio all’aperto, senza protezione contro la penetrazione, senza protezione delle dita, nessuna protezione contro i rischi chimici”.

A quali test sono sottoposte le calzature antincendio boschivo.

Il test che supera questa calzatura, consiste nel non far incrementare la temperatura all’interno dello stivale di un valore misurato per un dato tempo di esposizione al calore. 

Il calore si ottiene immergendo la calzatura per tutta la suola e circa per un centimetro del tomaio in un bagno di sabbia a temperatura di 150°C per 30 minuti.

Al termine del test, la temperatura all’interno dello stivale non deve superare i 42° C e non si deve verificare alcuna rottura o rigonfiamento nella suola, nel punto di giunzione della suola al tomaio, nessuna rottura del tomaio.

Costruire le perfette calzature antincendio boschivo non è uno scherzo.

Si consideri ora quale è la difficoltà nel progettare calzature AIB realmente “funzionali”. 

La suola che deve superare il test prima illustrato, sarà realizzata con un compound abbastanza duro e consistente, pena il non ottenimento della certificazione EN15090:2012. Una suola che è necessariamente massiccia e rigida, riduce la sensibilità del piede al terreno ed il comfort.

L’insieme della costruzione della calzatura risulterà poco flessibile. 

Anche la forma anatomica risulterà necessariamente ampia, in quanto l’aria tra il piede e l’esterno costituisce un filtro al calore. 

Ma, allo stesso tempo, questa forma anatomica “allargata” non permette di realizzare una calzata performante: il piede si muove all’interno della calzatura e la sua conduzione ne risulterà limitata, come il comfort.

Infine, se a questo quadro tecnico si aggiungono protezioni ulteriori, come ad esempio un inserto antiperforazione o un puntale antischiacciamento, il datore di lavoro si sentirà più tutelato ma, allo stesso tempo, l’operatore AIB ne pagherà una penalizzazione ulteriore in termini di comfort. 

Talora si trovano addirittura calzature con la protezione alle caviglie “AN”, una dotazione che aggiunge rigidità e peso senza alcun vantaggio evidente.

Come si stanno evolvendo i prodotti e i fabbricanti.

La sfida dei produttori innovativi è dunque quella di alleggerire e rendere flessibili e quanto più confortevoli possibile le calzature per operatori AIB.

Negli ultimi anni sono stati sviluppati nuovi compound per suole, decisamente più elastici e leggeri.

Non solo: grazie a sviluppi particolari, anche il test di resistenza al calore e al fuoco sono oggi superati con molto margine soprattutto se comparato ai compound di vecchia generazione.

Grazie anche a nuovi sistemi di assemblaggio, oggi sono reperibili sul mercato calzature per operatori AIB estremamente flessibili, leggere e soprattutto con una forma anatomica che è del tutto comparabile a uno stivaletto da trekking. 

Risultati impensabili fino ad alcuni anni fa.

Questa nuova tecnologia ha messo d’accordo datori di lavoro e operatori. 

Oggi è possibile conciliare maggior sicurezza con maggior comfort. 

Aggiungere un inserto antiperforazione, una protezione metatarsale o un puntale protettivo non è più un problema.

Inoltre, si sono affacciati sul mercato calzature AIB con sistemi di allacciatura innovativi, che limitano la presenza di ganci o anelli (o cerniera) a vantaggio della facilità di pulizia, del minore rischio di impigliamento e di rottura del sistema stesso.

Va infine sottolineato che la tecnologia basata sul nuovo compound della suola, ha permesso anche di realizzare calzature di categoria F2, certificate per antincendio strutturale.

Il test per ottenere la certificazione F2 consiste nell’immersione di tutta la suola e della tomaia fino ad un centimetro sopra la suola in bagno di sabbia a temperatura di 250°C per 40 minuti. 

Dopo 10 minuti da inizio test, la temperatura all’interno dello stivale non deve superare i 42° C, simbolo HI3.

Questo rende possibile la scelta su una gamma più vasta di modelli super protettivi per le operazioni AIB garantendo un livello di protezione più elevato con comfort migliore di molte calzature F1.

sistema di allacciamento delle calzature antincendio boschivo HAIX

Cosa offre il mercato delle calzature AIB.

E’ difficile parlare di varie marche e modelli in quanto, per la loro natura, le calzature specifiche per antincendio boschivo presenti sul mercato sono decisamente molto specifiche e solo di alto livello. 

Tra tutte, mi sento di citare solo una calzatura con queste caratteristiche.

E’ il modello Fire Eagle di Haix, che è certificata in F2 ma con caratteristiche di leggerezza e flessibilità che la rendono adatta ad essere utilizzata anche per l’Antincendio Boschivo.

HAIX FIRE EAGLE
Scheda HAIX FIRE EAGLE

Per conoscere altre possibilità o avere consigli sulla scelta delle giuste calzature per antincendio boschivo, contattami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *